Giulia Gambini

Giulia Gambini nasce a Gubbio (PG) nel 1995. Dall’età di dieci anni comincia lo studio del pianoforte sotto la guida di Agnese Gatto e, successivamente, di Giovanna Petrucci e Carlo Alberto Neri. Nel 2014 si diploma con il massimo dei voti presso il liceo classico G. Mazzatinti di Gubbio. Dal 2009 frequenta il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia, dove nel 2015 consegue il Diploma Accademico di primo livello sotto la guida del M° Alessandro Gagliardi. Nel febbraio 2018 con lo stesso docente ha conseguito il Diploma accademico di secondo livello ad indirizzo concertistico laureandosi con il massimo dei voti, lode e Menzione d’onore.

Dall’ottobre 2017 si sta perfezionando presso l’Accademia di Musica di Pinerolo sotto la guida del M° Enrico Pace, e ha frequentato masterclass con i maestri Luca Monti, Michele Marvulli, Andrea Lucchesini. In qualità di Pianista Accompagnatore ha partecipato ai corsi di violino del M° Andrea Pinzaru.

Ha al suo attivo varie esibizioni, sia in formazioni cameristiche sia come solista, in rassegne musicali quali Sagra Musicale Umbra (Perugia), Musica d’estate – Concerti dell’Accademia di Musica di Pinerolo (Bardonecchia, TO), Festival Internazionale dei Giovani Concertisti (Castel Rigone, PG), Pianocity (Napoli), Gubbio Summer Festival (Gubbio, PG), Etruria Classica – Concerti alla Torre (San Vincenzo, LI), ecc. Il ruolo di solista l’ha vista inoltre protagonista nell’esecuzione di Aubade di F. Poulenc con l’Orchestra del Conservatorio di Perugia in occasione della presentazione del libro Francis Poulenc: una biografia (prima pubblicazione in lingua italiana sull’autore) e del Concerto op. 54 di R. Schumann insieme all’Orchestra da Camera di Gubbio, con la quale collabora stabilmente anche in qualità di orchestrale. Dal 2016 suona in duo con la violoncellista Agnese Menna.

All’attività di studentessa affianca anche quella di insegnante di pianoforte presso la Scuola di Musica del Trasimeno e presso la Scuola comunale di Gubbio.

 

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Comments are closed.